Chi è online

Abbiamo 33 visitatori e nessun utente online

 
 
Prossimi Impegni
 
 
 
26/01
 
 Tre Comuni 23km 
 
 
 
 

destraentronistra
   

Meteo

Race for the Cure

Scritto da  Laura Marchetti

Eccomi qui a raccontare la RACE FOR THE CURE in sostituzione, per questa volta, del nostro reporter ufficiale Danilo Marigliani.

Il mio non sarà l’editoriale al quale siete abituati. Non me ne vogliano gli atleti e soprattutto chi tiene ai propri PB ma non menzionerò i tempi in quanto per me questa “gara”, non a caso virgolettata, non è una competizione tra atleti ma una competizione di solidarietà con chi sta combattendo una battaglia, o se vogliamo rimanere in tema, sta correndo o ha corso, la corsa più lunga, estenuante e faticosa della propria vita, una corsa che cambia il modo di vedere e di approcciare la vita e che insegna tanto.

Al nostro arrivo la visuale era spettacolare, un fiume di gente che si dirigeva verso il “Villaggio in Rosa” posizionati al centro del Circo Massimo vi erano stand con molte attività, sia ludiche che di prevenzione. Una location suggestiva già di per se ma resa ancora più emozionante da tanto colore e allegria, musica, sorrisi, sguardi di intesa e di complicità tra le così dette “DONNE IN ROSA”.

Tre le possibili scelte: 5 km competitiva, 5 km non competitiva e 2 km di passeggiata tra le bellezze della Roma Antica. Un percorso rinnovato rispetto allo scorso anno e, a mio parere anche molto più bello. Oltre 60.000 i partecipanti, prima dello sparo di inizio e, dell’ormai immancabile conto alla rovescia urlato dagli atleti, è stato suonato l’Inno Nazionale cantato in un unico coro, un’emozione da aggiungere all’emozione di vedere un solo colore il ROSA primeggiare su tutto anche su un cielo azzurro e limpido.

La nostra associazione si è presentata con ben 18 partecipanti così suddivisi:

12 atleti iscritti alla competitiva: Raguzzini, Rosati, Daidone, Dioguardi, Schirripa, Prioreschi, Rocchi, Giorgi, Marchetti F., Marchetti L., infine Bacco e Chierego che consigliati dai propri allenatori Gianluca e Filippo (figli) hanno optato per la non competitiva, ci tengono alla salute dei loro papà J

6 invece i partecipanti alla 5 km non competitiva: Turchi Antonina, Ceccucci Paola, Ceccucci Margherita, Francesco Pietrella, Marchetti Massimo anche lui accompagnato dalla figlia Beatrice. A tutti va un sincero ringraziamento per la partecipazione ed il sostegno.

Al via ognuno ha iniziato la propria corsa con le proprie motivazioni ed i propri pensieri… Vi posso solo raccontare i miei, ovviamente… Un pensiero a Stefania, cara amica che da lassù sono certa abbia ha fatto il tifo per me. Un pensiero a Giovanna, che seppur non conoscendo vivo spesso nei ricordi della gemella e un pensiero a me perché come mi ha detto una persona speciale: tu non hai corso o fatto un buon tempo “TU HAI VINTO”.

Prima di rientrare gli atleti sono passati a salutare Nunzio, in arte Gulliver, a Piazza San Silvestro dove si è svolta “la Giornata del Naso Rosso”. Un grazie di cuore a questi volontari che regalano sorrisi a chi ne ha bisogno.

Spero di avervi raccontato al meglio questa corsa un po’ particolare ed una giornata intensa di emozioni e di non aver dimenticato nessuno chiedo scusa in anticipo se così fosse.

Ciao Laura

Letto 1018 volte Ultima modifica il Lunedì, 25 Maggio 2015 15:28
Vota questo articolo
(0 Voti)

3 commenti

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.