Chi è online

Abbiamo 5 visitatori e nessun utente online

Compleanni nel mese  

 

02 De Mattia Ludovico 

07 Minci Federico

09 De Petris Stefano 

20 Vittori Roberto

22 Cirillo Nunziato

24 Polinari Maria Rosa

31 Di Palma Gioacchino

 

 

 

AUGURI AUGURI AUGURI

 
 
Prossimi Impegni
 
 
 20/01
 
La Corsa di Miguel 10K
 
 
 
 
 
 
 

destraentronistra
   

Meteo

Invernalissima 2018 - ASSISI In evidenza

03-01-2019 Scritto da  Robia

Eccoci qui, dopo poco più di un anno, a scrivere di una nuova (mezza) impresa per me. E la racconto così come l’ho vissuta. Come per Palma di Majorca, è scattata una molla, e ho preso un impegno.  Un clic, mentale. Inizia anche questa avventura.

Già consapevole di quello che mi aspettava, incurante o quasi delle difficoltà e del poco tempo per allenarmi, inizio le 9 settimane di preparazione; molto meno tempo di quello che ho avuto a disposizione lo scorso anno. 

Dopo 2 settimane subito La Corsa dei Santi, 10K impegnativi per testare la…testa! Quella c’è, ma sono fuori forma e faccio fatica ad adattarmi ai ritmi dettati dalla mia scheda. Ma faccio i compiti con diligenza.

Con la mia compagna Senatrice riusciamo a incastrare molte sedute insieme, fortunatamente il clima è ancora favorevole e fino alla fine di novembre tra lunghi e ripetute, che noi per gioco chiamiamo ripetizioni,  le gambe pesantissime ci danno comunque risposte positive. 

Inesorabile arriva l’8 dicembre e Accendiamo una Stella, manca solo una settimana, e come al solito  provo mille dubbi su tutto, tra affaticamento, “strizza”, problemi di lavoro, influenza; sono cosciente che sarà difficile ed emotivamente troppo carica.  Ma io sono così, le cose le devo fare al meglio (il mio) oppure niente.

16 dicembre ore 9: Bastia Umbra, -1 alla partenza (-1 è la temperatura)! Quasi pronti per lo starter, ripasso mentalmente : “Robia, vai tranquilla i primi 15”, “Robia, non stancarti all’inizio”, “…riscaldati bene…”

<p style="text-align: justify;">Alle 9,30 la piena del fiume di Runners mi travolge, io resisto alla tentazione, e con PabloSun andiamo tranquilli per 3 km, raggiungiamo la Senatrice, poco prima di Santa Maria degli “Angeli”, sta volando fortissima!

Ci parliamo e rassicuriamo, io regolarizzo il respiro, e vado; inizia la sfida con me stessa, ho i piedi congelati e sento ancora freddo, ma vado.  Nella testa molte cose, la gara è lunga e c’è molto tempo per pensare. Canto, mi guardo intorno, il panorama è bellissimo ovunque io rivolga lo sguardo, cerco di concentrarmi. Sono da sola, il gruppone è andato, ma anche io faccio qualche “prigioniero”, controllo la velocità, bevo ai ristori, mangio qualcosa. Ho un buon passaggio ai 10, mi sento bene; i successivi 4 sono faticosi, complice un po’ di dislivello; inizio ad essere un po’ stanca, fa freddo, ma quel tratto sotto Assisi è veramente mozzafiato. 

L’orologio dice che…”se corro i prossimi 5 anche un po’ più lentamente riesco a raggiungere il mio obiettivo”, che stavolta non è finirla, ma…ma! Conto, e corro. 

Al 18mo mi fermo a farmi fare le foto, sono secondi preziosi che lascio indietro, ma lo sono anche per prendere fiato, manca poco, sono sotto le 2 ore, e sopraggiunge una leggerissima ansia. Cerco qualcuno intorno, per trovare quel coraggio che mi accompagni fino al traguardo.  E laggiù, magicamente, sento una voce che mi riempie gli occhi di lacrime, e le orecchie di “FORZA, ALZA QUELLE GAMBE, NON VOGLIO SENTIRE CHE SEI STANCA”! È la mia Presidente che grida…il cuore a mille, lo sapevo, adesso crollo!

Mi sospinge, letteralmente, scambio qualche parola, e Lei “SE PUOI PARLARE PUOI ANCHE CORRERE”! Io allora zitta. Il cartello recita Non Mollare Mai, io grido MAI!

Al 19mo mi prende per mano, volo per 1 km, che bello! Ma che fatica, accidenti. Dov’è il traguardo? Ultimi 500 metri di sforzo, passione, cuore… Eccolo, lo vedo, rotatoria, discesa, e tappeto rosso. Patrizia vicina a me, Valerio che strilla dall’arrivo, riesco a produrmi in una volata, guardo e indico il display. Ce l’ho fatta, lacrime gelate, e sorrisi e abbracci. E rose rosse, e le lenticchie al posto della medaglia (ma perché????).

Arriva quel momento di consapevolezza, che precede quell’attimo di gioia, perché il tempo è buono, per me, per me che non amo correre. Grazie! A chi ha corso, a chi ci ha accompagnati e condiviso questa fantastica e gelida trasferta, ma piena di calore, Valentina, Antonella, Annarita, Violeta. Spillo. Roberto, PaoloSun, Patrizia e Patrizia, Valerio, PaoloRun, Ludovico, Massimo.

Orgogliosamente dedico questo risultato a Valerio e Patrizia, che mi hanno aiutata a darmi un obiettivo, quando non lo avevo,  e alla sua concretizzazione.

Ai Senatori, indispensabili per darmi stimoli e accompagnarmi; alle figlie, a chi ha creduto in me più di quanto io sia non capace (siete tanti).

E siccome non c’è 2 senza 3, avanti la prossima, forse…!

 

Letto 23 volte Ultima modifica il Lunedì, 14 Gennaio 2019 14:49
Vota questo articolo
(1 Vota)
Altro in questa categoria: « Accendiamo una Stella ...

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

 LINK AMICI 

mariomoretti

     ilmaratoneta     podistinet     tuttopodismo     epodismo logo2008 500x200px       Runner-tv  Dignity   logo-purosangue